Ecco cosa succede quando il tessuto prepuziale si indurisce e come bisogna agire per eliminare il problema

Quando la pelle del prepuzio si indurisce e rende difficoltosa la scopertura del glande, per un uomo può essere l’inizio di un incubo.

L’insorgere di questa condizione comporta enormi disagi e può dare il via a diverse complicazioni (anche gravi) per la salute dell’area genitale, tali da influenzare irrimediabilmente alcune funzioni.

In questo articolo scoprirai per quale motivo può presentarsi questo problema e qual è la soluzione più adatta e meno invasiva.

Postite, balanopostite ed escoriazioni: così la pelle del prepuzio si indurisce

Se sei alle prese con una fimosi, è probabile che ti stia domandando come ti sia potuta capitare una simile sventura. Sì, perché di questo si tratta. Una condizione in cui il glande non si scopre da solo comporta una serie di disagi e rischi per un uomo. Finché questa alterazione è congenita, c’è poco da arrovellarsi alla ricerca di una possibile causa, dato che la scienza stessa non sa ancora dare delle risposte. Diverso è se una fimosi – serrata o non serrata che sia – sopraggiunge su un pene perfettamente normale.

In tal caso, puoi facilmente risalire alle cause scatenanti, che possono essere:

  • postite, balanopostite o balanite, ovvero infezioni batteriche o fungine che colpiscono l’area del glande e del prepuzio;
  • escoriazioni alla pelle del prepuzio;
  • malattie tipiche dei tessuti genitali;
  • una dermatite o una reazione allergica.

Tutte queste circostanze portano all’indurimento del prepuzio a causa della conseguente formazione di tessuto cicatriziale. Questo tessuto, in quanto più spesso e meno elastico, impedisce al prepuzio di dilatarsi e di scorrere liberamente all’indietro, rendendo difficile (e talvolta impossibile) un’azione come scoprire il glande.

Leggi anche: Rossore al pene? Occhio! Potrebbe anticipare una fimosi

L’indurimento del prepuzio porta alla fimosi (e alle sue conseguenze)

È inutile girarci intorno.

Quando si consolida questa alterazione, le cose si fanno complicate per un uomo. La vita sessuale viene irrimediabilmente condizionata, dato che l’impossibilità di scoprire totalmente il glande, oltre a causare dolore, impedisce di godere pienamente del piacere del rapporto. Da ciò possono derivare disagio, frustrazione e stress, che possono degenerare in episodi di eiaculazione precoce o di disfunzione erettile.

Situazioni simili sono molto comuni tra gli uomini affetti da fimosi, ma non sono le uniche. Un’eccessiva occlusione del meato uretrale può causare il ristagno di urina tra la parte interna del prepuzio e il glande, condizione ideale per la proliferazione dei batteri. Ma non solo.

Eliminare la fimosi con Phimostop è facile

Oltre all’aspetto igienico, ci sono seri rischi legati alla salute, in quanto un anello fimotico chiuso e stretto intorno al glande può rendere difficoltosa la minzione. Questo aumenta le probabilità di incorrere in un’infezione delle vie urinarie. E spera di non imbatterti mai in una delle conseguenze più pericolose della fimosi: la parafimosi. Questa condizione si presenta quando la scopertura del glande viene in qualche modo forzata, magari durante un rapporto sessuale.

Cosa accade?

Che il prepuzio, una volta sceso al di sotto del glande, non riesce più a tornare sopra di esso. Si forma, quindi, un gonfiore nella pelle intorno al glande, e avviene un vero e proprio strangolamento sotto la corona da parte dell’anello fimotico. Se non trattata tempestivamente, questa urgenza urologica può causare necrosi ischemica del glande e cancrena.

Insomma, se pensi di essere affetto da fimosi, più che preoccuparti di cosa possa averla causata, dovresti preoccuparti di come curarla.

Ecco come puoi eliminare la fimosi del pene

Una situazione simile può essere risolta in diversi modi, ma ciò che devi assolutamente evitare sono i rimedi della nonna che potresti trovare su Internet, incluso il ricorso alla ginnastica prepuziale. Questi esercizi di stretching del prepuzio non solo non risolvono il tuo problema, ma possono aggravarlo, quindi stanne alla larga. La fimosi è un’alterazione dell’aspetto del pene e delle sue funzionalità; pertanto, il primo passo che dovresti fare è quello di rivolgerti a un andrologo o a un urologo.

Un consulto con uno specialista è fondamentale per comprendere che tipo di fimosi tu abbia e per trovare un rimedio efficace. Un metodo molto utilizzato per risolvere questo problema è la circoncisione, un intervento chirurgico consistente nella rimozione del prepuzio. Naturalmente, tanti uomini non vedono di buon occhio una soluzione così drastica e invasiva, un po’ per i tempi di recupero lunghi, un po’ perché preferirebbero non privarsi del prepuzio.

Un’alternativa proposta dai medici, in questi casi, è il ricorso alla terapia farmacologica, che prevede l’applicazione di una crema elasticizzante nel tentativo di ammorbidire la pelle. Sfortunatamente, questa tecnica non si rivela particolarmente efficace negli adulti.

Leggi anche: Dolore al glande: possibili cause e rimedi da adottare

Ma esiste un rimedio naturale, non invasivo e indolore.

È Phimostop. Il nostro prodotto, protetto da brevetto e validato dal Ministero della Salute, consente di curare la fimosi agendo direttamente sull’anello fimotico. Grazie a una graduale e progressiva stimolazione, la pelle recupera la sua naturale elasticità in poche settimane.

In conclusione

Sottovalutare la fimosi non è mai una buona idea.

Tutte le dinamiche che possono svilupparsi a causa di questa condizione possono esporti a rischi molto seri per la tua salute, oltre a rovinare la tua vita sessuale. Vuoi liberarti di questo problema senza dover finire per forza sotto i ferri?

Scopri subito come funziona Phimostop!