Davanti ad un problema come il prepuzio chiuso bisogna conoscere le cause, le conseguenze e il modo in cui agire per risolvere al meglio.

Avere il prepuzio chiuso implica l’impossibilità di compiere una manovra importantissima come scoprire il glande, che sia per lavarlo o per avere rapporti, e può determinare svariati problemi. Quando il glande non si scopre da solo si è davanti ad un’anomalia chiamata fimosi.

Questa anomalia va individuata, conosciuta e affrontata nel momento e nel modo giusto, poiché per la fimosi cura e rimedi non mancano e variano in base alla specificità della situazione.

Scopriamo allora in cosa consiste il principale disturbo legato al prepuzio chiuso e come va affrontato sia nei bambini che negli adulti.

Uomo arrabbiato perché la crema elasticizzante non ha risolto il problema del prepuzio chiuso

Il prepuzio chiuso e la fimosi.

Tanto per cominciare la condizione di strozzatura del prepuzio sul glande che determina la limitazione o la totale irrealizzabilità della sua scopertura può avere origine congenita e acquisita.

Quando la fimosi è presente fin dalla nascita le cause sono sconosciute, ma in ogni caso è difficile riscontrare questo problema nei primi anni di età, a meno che non diano problemi nella minzione, perché durante l’infanzia è perfettamente normale che il prepuzio rimanga attaccato al glande.

Nonostante ciò, sarà il pediatra durante le periodiche visite di controllo a valutare la situazione: meglio non prendere iniziative autonomamente, perché si potrebbero rivelare pericolose.

Quando la fimosi è acquisita invece è dovuta principalmente a patologie, lesioni o infezioni del glande e del prepuzio.

Non esiste un’età definita in cui il problema può manifestarsi, si può incappare in una fimosi a 14 anni come a 30, a 50 o in terza età quando le sue cause sono individuabili in fattori esterni.

Ovviamente esistono dei gradi di gravità. La fimosi può essere parziale se l’anello fimotico arresta la scopertura del glande dopo un’iniziale discesa, o totale se invece il glande rimane completamente coperto.

Ma principalmente si categorizza la fimosi in serrata e non serrata:

  • la fimosi serrata si ha quando il prepuzio chiude ogni possibilità di scopertura del glande indifferentemente dallo stato del pene, eretto o flaccido che sia;
  • la fimosi non serrata invece impedisce di scoprire il glande solo in erezione.

Leggi anche:

Le conseguenze di un prepuzio chiuso sono la scarsa igiene intima, che può portare a infezioni anche gravi, il dolore nei rapporti e il rischio di lesioni e traumi (talvolta gravi) dovuti alla forzatura a cui il prepuzio è sottoposto durante l’erezione.

Per facilitarti ulteriormente la comprensione e l’individuazione di tali anomalie ti suggeriamo di fare una ricerca di immagini o video che ne documentino le particolarità.

Il prepuzio chiuso nei bambini piccoli è dovuto alla pelle attaccata al glande

Il prepuzio chiuso nei bambini: come comportarsi.

Un chiarimento e un approfondimento circa una situazione di prepuzio chiuso nei bambini è doverosa.

Come abbiamo anticipato prima la pelle attaccata al glande dei bambini è un fenomeno fisiologico del tutto normale nei primissimi anni di vita, e talvolta anche oltre, poiché sussistono delle aderenze tra glande e prepuzio dette balanoprepuziali.

Una prima manovra di scollamento al pisellino è solitamente sconsigliata nei primi anni, e in questo gran parte dei medici sono concordi, in quanto non vi è motivo per forzare tale processo. Si rischierebbe di creare traumi e danni al piccolo.

È chiaro però che se si continuano a riscontrare aderenze nel pisellino a 8 anni per esempio, è quantomeno opportuno far visionare la situazione al pediatra, che potrà valutare ed eventualmente diagnosticare una fimosi o affidare tale valutazione ad uno specialista come l’urologo.

In ogni caso è sempre una scelta prudente quella di non tentare la scopertura del glande di un bambino con la forza, perché se è effettivamente una fimosi il motivo per cui tale azione non è possibile non si otterrebbe nulla di buono.

Dunque se stavi pensando all’acquisto di una crema per aprire il pisellino con delle manovre lascia perdere, piuttosto rivolgiti al pediatra o ad uno specialista, che troverà la soluzione migliore e meno traumatica.

Chiarito questo aspetto, scopriamo come operare per risolvere il problema della fimosi.

Leggi anche:

Come agire sul prepuzio chiuso per la fimosi.

Dal momento che un prepuzio chiuso determina diverse dinamiche poco piacevoli oltre che pericolose, quella di rivolgersi ad un urologo è sempre una decisione responsabile.

Insieme a lui potrai certamente trovare la soluzione giusta per te o per il tuo bambino in caso di fimosi.

La scelta va dalla circoncisione, che in alcune culture viene praticata in tenera età e consiste nell’asportazione del prepuzio, alla prepuzioplastica e la frenuloplastica, interventi che tramite opportune incisioni rimodellano il prepuzio o il frenulo a seconda delle necessità.

Ovviamente non esiste solo l’opzione della chirurgia, ma anche quella farmacologica che per il trattamento della fimosi prevede l’uso di una crema elasticizzante per ammorbidire la pelle del prepuzio e quindi allargare l’anello fimotico. All’utilizzo della crema viene associata anche la pratica della ginnastica prepuziale, cioè una sorta di stretching applicato al prepuzio.

Anche se in un primo momento questa pratica potrebbe sembrare l’ideale in confronto all’intervento chirurgico, tuttavia ha tanti limiti. Non solo in tanti casi si rivela inefficace – e dunque non può garantire dei risultati certi – ma capita di frequente che porti alla complicazione della patologia.

In che modo?

Gli effetti collaterali più frequenti consistono nella formazione di piccole lacerazioni, generate dalla forzatura dell’anello fimotico, che causano forti fastidi e dolori e che sono spesso soggette ad infiammazioni ed infezioni. La conseguenza di queste lesioni è l’ispessimento del tessuto fimotico e quindi un peggioramento della patologia.

Phimostop è invece l’ultima scoperta in materia di trattamento della fimosi e consiste in un kit acquistabile su internet o in farmacia senza prescrizione medica, che elimina la fimosi sfruttando la predisposizione naturale della pelle a dilatarsi sotto una costante e delicata pressione.

Si tratta dunque della soluzione ideale per chiunque voglia evitare i disagi di un intervento chirurgico e gli effetti collaterali ed i risultati incerti delle cure farmacologiche.

Scopri di più su Phimostop!