Cos’è la fimosi cicatriziale, quali sono le sue conseguenze e come si può curare

La fimosi cicatriziale è un disturbo che può colpire gli uomini in qualsiasi momento dell’età adulta.

Spesso si manifesta in forma lieve e chi ne soffre può illudersi di poterla tenere sotto controllo senza ricorrere alla visita di uno specialista.

Non è una buona idea trascurare questo disturbo. La fimosi cicatriziale, infatti, tende ad aggravarsi con il passare del tempo, causando un pesante senso di frustrazione e pregiudicando la possibilità di avere una serena vita sessuale.

Per fortuna esistono dei rimedi in grado di curare questo disturbo, anche senza ricorrere alla chirurgia.

In questo articolo spiegheremo cos’è la fimosi cicatriziale, da cosa è causata e quali sono i suoi effetti negativi sulla salute. Illustreremo, poi, quali sono le cure più efficaci per eliminarla una volta per tutte.

La fimosi cicatriziale è causata dalla lesione del prepuzio

Cosa si intende con ‘fimosi cicatriziale’ e quali sono le cause

Esistono due forme di fimosi che si distinguono in base al momento della loro insorgenza:

  • fimosi congenita: quando il restringimento del prepuzio si manifesta fin dalla nascita o durante i primi anni di vita;
  • fimosi acquisita: quando il restringimento del prepuzio si manifesta in età adulta.

La forma congenita è molto comune e, di norma, non è necessario intervenire per curarla perché tende a risolversi spontaneamente con la crescita.

La forma acquisita è detta anche ‘cicatriziale’ perché è causata dal tessuto cicatriziale che si forma sul prepuzio quando questo viene danneggiato. Le lesioni di questo lembo di pelle sono spesso causate da malattie genitali come la balanite, la postite, la candida e il lichen sclerosus.

Anche l’eccessivo sollecitamento del prepuzio durante i rapporti sessuali o la masturbazione può provocare il danneggiamento del prepuzio.

Talvolta la difficoltà nello scoprire il glande tipica della fimosi può essere esacerbata dall’insufficiente lunghezza del frenulo, una condizione anomala che, in campo medico, è nota come ‘frenulum breve’.

Leggi anche: Fimosi e conseguenze sessuali: 3 effetti negativi sull’intimità

Fimosi cicatriziale: quali sono le conseguenze sulla salute?

I disturbi più comuni causati dalla fimosi cicatriziale sono:

  • dolore durante l’erezione, talvolta tanto acuto da compromettere la capacità di avere rapporti sessuali;
  • disuria, ovvero disturbi durante la minzione (dolore, bruciore ecc.);
  • prurito al glande;
  • ostruzione dell’orifizio prepuziale che può ostacolare la fuoriuscita dello sperma e ridurre la possibilità di avere figli;
  • difficoltà nel mantenimento dell’igiene intima e aumento del rischio di contrarre malattie genitali.

Un’altra condizione patologica molto pericolosa legata alla fimosi cicatriziale è la parafimosi. Questo disturbo si manifesta quando il prepuzio viene ritratto e rimane bloccato alla base del glande. A causa del restringimento fimotico il pene viene strozzato e la circolazione sanguigna compromessa. Se non viene curata in tempo brevi la parafimosi può causare la necrosi e la cancrena dei genitali.

Per curare la fimosi cicatriziale ci sono rimedi anche non chirurgici

Ecco cosa consigliano i medici per curare la fimosi cicatriziale

Nei casi più lievi di fimosi i medici possono consigliare il ricorso a trattamenti conservativi che consistono nell’applicazione di creme cortisoniche sul prepuzio e sul glande e nell’esecuzione della ginnastica prepuziale. Questa pratica viene effettuata scoprendo delicatamente il glande il più possibile, senza arrivare al punto di causare dolore, al fine di ridurre il restringimento fimotico.

Si tenga a mente che la ginnastica prepuziale va praticata facendo estrema attenzione a non ritrarre il prepuzio con troppa forza in modo da evitare la comparsa di lesioni che potrebbero aggravare la fimosi.

Se si sceglie di ricorrere a questo rimedio, è opportuno chiedere consiglio al proprio medico di fiducia su come scoprire il glande senza danneggiare la pelle che lo ricopre.

Quando il restringimento è severo, specialmente nei casi di fimosi serrata, molti medici suggeriscono di sottoporsi alla rimozione chirurgica del prepuzio. Questo intervento, noto come circoncisione, può essere praticato in anestesia locale e non richiede il ricovero ospedaliero del paziente.

Ricorrere al bisturi per curare la fimosi può essere sgradevole ma viene considerato necessario per sbarazzarsi definitivamente di questo disturbo, impedendo che possa aggravarsi e diventare pericoloso per la salute.

Tuttavia esiste un rimedio alternativo non chirurgico in grado di ridurre il restringimento del prepuzio fino a eliminarlo completamente in modo rapido e indolore: è Phimostop, il nostro dispositivo medico validato dal Ministero della Sanità.

Con Phimostop è possibile curare la fimosi cicatriziale con poche settimane di trattamento. In caso di recidiva, il nostro dispositivo medico può essere riutilizzato dopo averlo accuratamente pulito, senza bisogno di acquistare una seconda confezione.

Leggi anche: Operazione fimosi e conseguenze: cosa succede dopo la circoncisione?

In conclusione

Abbiamo spiegato cos’è la fimosi cicatriziale, da cosa è causata e come curarla.

Questo disturbo può aggravarsi con il passare del tempo. Per questo è opportuno cercare un rimedio il prima possibile. La circoncisione è la cura più diffusa ma non tutti gradiscono l’idea di doversi sottoporre a questo intervento.

Se soffri di fimosi cicatriziale, ma non vuoi ricorrere al bisturi, parla al tuo medico di Phimostop, l’unica alternativa non chirurgica in grado di eliminare questo disturbo. Il nostro dispositivo può essere la soluzione ideale per te!