In questo articolo scoprirai tutto ciò che ti serve sapere sulla fimosi di natura patologica, su come individuarla e sui rimedi per superarla senza intervento.

La fimosi patologica è una condizione in cui il prepuzio crea un restringimento che impedisce la scopertura del glande in seguito ad un’infezione o una malattia della pelle. A differenzia della fimosi congenita può manifestarsi a qualsiasi età.

Oltre al fatto che il glande non si scopre da solo questa condizione ha anche altri aspetti da non sottovalutare.

Qui parleremo delle situazioni più frequenti che comportano la formazione di una fimosi, non trascurando i segnali che inducono a cercare dei rimedi per curare senza ricorrere al chirurgo.

Ricerca online sulle cause della fimosi patologicaCos’è la fimosi patologica e quali sono le sue cause.

La fimosi patologica può colpire sia i bambini che gli adulti rendendo difficile e a volte impossibile un gesto naturale come scoprire il glande. Così come quando si presenta fin dalla nascita, anche in questo caso può avere diverse forme e stadi.

Conosciuta anche col nome di fimosi acquisita, essa può essere parziale quando il prepuzio scorre scoprendo solo una parte del glande, e totale quando invece non lo scopre per niente. Le sue forme sono conosciute con la definizione di fimosi serrata e fimosi non serrata.

Vediamo in cosa si differenziano:

La fimosi non serrata è il restringimento del prepuzio che impedisce di scoprire il glande solo quando il pene è in stato eretto, non creando invece alcun problema allo stato flaccido.

La fimosi serrata crea questo impedimento sia quando il pene è eretto sia quando è a riposo, ed è quindi la forma più grave.

Le cause patologiche che determinano questa alterazione sono:

  • di carattere infettivo;
  • di carattere patologico.

Le principali infezioni che colpiscono la parte terminale del pene causando la fimosi sono la balanite e la balanopostite. La balanite è un’infiammazione che si manifesta sul glande, mentre la balanopostite riguarda sia il glande che il prepuzio.

Leggi anche:

Le patologie che possono interessare i genitali e determinare la formazione di una fimosi sono principalmente due:

  • la dermatite
    una malattia di natura infiammatoria che colpisce la superficie dei tessuti epidermici;
  • il lichen sclerosus
    una malattia cronica dei tessuti abbastanza seria (ti invitiamo a cercare immagini a riguardo)

Tutti questi fattori scatenanti creano irritazione e stress alla pelle, che in reazione ad essi tende a cicatrizzarsi e indurirsi perdendo elasticità.

Le infezioni da batteri possono portare a fimosi patologicaI sintomi che ti aiutano a riconoscerla.

È importante riconoscere e individuare i segnali di una fimosi o di una delle sue cause scatenanti per poter affrontare rapidamente il problema ed evitare tutta una serie di conseguenze che potrebbero aggravare la situazione.

Le infezioni come balanite e balanopostite possono interessare la parte terminale del pene sia da bambini che in età avanzata, e danno segnali inequivocabili come prurito, macchie rosse, dolore e fuoriuscita di un liquido di cattivo odore dal pene.

Sintomi simili si riscontrano anche in presenza di dermatite, mentre il lichen sclerosus forma macchie bianche e un tessuto cicatriziale nella zona colpita.

Quando la fimosi è già presente si avverte dolore nei tentativi di scoprire il glande, quindi anche durante i rapporti, e in alcuni casi anche durante la minzione o l’eiaculazione, il che può esser motivo di ulteriori complicazioni.

Spesso lo sforzo a cui la pelle del prepuzio è sottoposta, specie nella parte finale, crea delle microlesioni che ovviamente causano fastidio e dolore e che cicatrizzandosi non fanno che peggiorare lo stato dell’anello fimotico, in cui talvolta si può notare un cerchio biancastro dovuto proprio all’indurimento della pelle.

Se riconosci questi sintomi faresti bene per prima cosa a non farti prendere dalla fretta o dal panico e non provare vergogna a parlarne col tuo medico curante, che nel caso lo ritenga opportuno può valutare di prescriverti una visita urologica.

Evita assolutamente di sottovalutare la cosa o pensare che potresti risolverla in autonomia con i classici rimedi della nonna. La fimosi è una faccenda seria, richiede la massima attenzione e va curata.

Leggi anche:

Le cure per la fimosi patologica.

Le soluzioni per eliminare la fimosi sono molteplici, ma se non vuoi proprio saperne di finire sotto i ferri per un intervento chirurgico risolutivo del problema, naturalmente quando è possibile, solitamente i medici propongono una terapia farmacologica.

Solitamente una terapia per la fimosi consiste nell’applicare per un determinato periodo una pomata o una crema elasticizzante sulla pelle del prepuzio, con l’obbiettivo di restituirgli la sua naturale elasticità.

A queste cure si associa molto spesso l’esecuzione di alcuni esercizi di ginnastica prepuziale, una sorta di stretching applicato alla pelle del prepuzio. Questo genere di rimedi tuttavia non danno sempre risultati soddisfacenti.

Una soluzione alternativa alla chirurgia e alla terapia farmacologica la offre Phimostop, un prodotto che si applica direttamente sull’area interessata e in maniera progressiva e delicata riconsegna al prepuzio la sua naturale elasticità e capacità dilatativa.

Phimostop è un brevetto UE e un dispositivo validato dal Ministero della Salute che non necessita di prescrizione medica ed è disponibile sia su internet sia in farmacia.

Vuoi scoprire come eliminare la fimosi con Phimostop? Clicca qui!