Fimosi e parafimosi: differenze e alternative per risolvere senza convalescenza.

Fimosi e parafimosi: differenze e alternative per risolvere senza convalescenza.

Scopriamo nel dettaglio cosa sono fimosi e parafimosi, in cosa si differenziano e in che modo si possono risolvere senza dover affrontare un intervento.

La fimosi è un’alterazione della parte finale del pene causata da un restringimento del prepuzio che impedisce la corretta scopertura del glande. Questa condizione determina diverse problematiche di vario tipo tra cui la parafimosi, cioè il blocco della pelle prepuziale sotto il glande in seguito ad una scopertura forzata.

Una manovra come scoprire il glande è fondamentale per svariate ragioni, e nei casi in cui questa manovra viene impedita da una fimosi cura e trattamento Phimostop sono le soluzioni più adatte per risolvere e prevenire le complicazioni e i disagi che può creare.

Fimosi e parafimosi possono causare dolore e disagioFimosi e parafimosi: cosa sono.

Quando il prepuzio è troppo stretto e non sufficientemente elastico o il frenulo è troppo corto, il glande non si scopre da solo perché il tratto di pelle che lo avvolge non riesce a retrarsi. Ecco cos’è la fimosi.

Questa condizione può essere congenita o acquisita, ovvero può esser presente su un individuo fin dalla nascita oppure sopraggiungere in età avanzata in seguito ad alcuni avvenimenti scatenanti.

Davanti ad una natura congenita di questo disturbo la comunità scientifica si ritrova ancora senza risposte, mentre sono ben note le cause del verificarsi di una fimosi acquisita, per lo più infezioni (come balanite e balanopostite), patologie (lichen sclerosus e dermatite) e lesioni.

In base alla gravità del caso si può creare una distinzione anche tra fimosi serrata, che è la più grave perché la scopertura totale o parziale del glande è condizionata sia col pene a riposo che in stato eretto, e fimosi non serrata, meno grave perché tale manovra è limitata solo col pene in erezione.

Per quanto sia meno grave non significa che sia priva di complicazioni, e lo vedremo nel capitolo successivo.

La parafimosi è strettamente connessa alla fimosi in quanto è una situazione che si manifesta solo in chi è affetto da fimosi.

Leggi anche:

Ciò avviene quando una forzatura casuale e involontaria, causata magari dallo sfregamento durante un rapporto sessuale, o indotta manualmente determina lo slittamento dell’anello prepuziale al di sotto della corona del glande, ma poiché questo lembo di pelle è troppo stretto rimane bloccato (un po’ come quando un anello troppo piccolo viene inserito sul dito a forza, ma non si riesce a sfilarlo).

Questo cosa determina?

L'urologo può aiutarti a capire come risolvere fimosi e parafimosiLe possibili conseguenze.

Se si parla delle conseguenze a cui può condurre una fimosi trascurata, la parafimosi come abbiamo visto è una di queste ma non l’unica.

Infatti questa alterazione anatomica crea un serio problema di igiene intima nei casi più gravi in cui non è possibile scoprire il glande nemmeno in stato di riposo per lavarlo. Tale impedimento determina condizioni igieniche inappropriate per il ristagno di urine e formazione di smegma che aumentano le probabilità di stati infettivi.

Come certamente immagini, la fimosi è all’origine anche di problemi nei rapporti sessuali in quanto l’erezione può essere difficoltosa e dolorosa, e tale condizione si ripercuote nella vita di coppia anche a livello psicologico, causando spesso senso di inadeguatezza e depressione.

Anche le conseguenze della parafimosi sono particolarmente serie, ed è necessario conoscerle per capire che quando si verifica bisogna assolutamente agire in tempi rapidi per evitare quelle più fatali.

Tanto per cominciare lo strozzamento che l’anello fimotico applica alla base del glande determina facilmente un edema prepuziale, perciò il rigonfiamento oltre a impedire l’afflusso di sangue potrebbe pure complicare la minzione e causare ritenzione urinaria.

Inoltre nei casi estremi possono verificarsi ulcere, gangrena e addirittura necrosi ischemica al glande.

Avrai certamente capito che tali rischi meritano la massima attenzione, perciò se sei di fronte a queste problematiche lascia perdere i rimedi della nonna e fatti visitare da uno specialista.

Leggi anche:

Fimosi e parafimosi: come risolvere senza chirurgia.

Se stai leggendo questo articolo perché hai riscontrato una parafimosi, potresti provare con molta cautela degli esercizi consistenti nell’applicare una leggera pressione con la mano sul glande per cercare di ridurne le dimensioni e sul prepuzio per contrastare il processo edematico.

Ad ogni modo ti consigliamo di recarti in ospedale, poiché la parafimosi è a tutti gli effetti un’emergenza urologica e il medico è la persona più adatta a riposizionare il prepuzio al suo posto e eventualmente a eliminare il liquido edematoso, anche perché a situazione compromessa l’unica soluzione è l’intervento chirurgico.

Ma se hai una fimosi e vuoi scongiurare qualsiasi rischio ad essa correlato, parafimosi compresa, hai due strade per risolvere senza ricorrere ad un’operazione:

  • cure farmacologiche;
  • Phimostop.

Il percorso terapeutico a base di farmaci prevede l’applicazione locale di una pomata o crema elasticizzante che vada ad ammorbidire la pelle del prepuzio, per farle recuperare la giusta elasticità che le consenta di allargarsi, ritrarsi e consentire la scopertura del glande. Purtroppo queste creme non sempre raggiungono l’obbiettivo.

Phimostop invece è un prodotto che agisce “meccanicamente” sul prepuzio e sfrutta la naturale propensione dei tessuti a dilatarsi se sottoposti ad una graduale pressione.

In un periodo di tempo abbastanza breve e in modo poco invasivo, questo metodo determina un progressivo allargamento dell’anello prepuziale tale da permettere un’agevole e completa scopertura del glande.

Scopri come!