Hai il sospetto di avere una fimosi ma non sai a cosa è dovuta né quando e se è il caso di intervenire, ma non vuoi andare sotto i ferri? Ecco ciò che devi sapere.

Il problema in questione può interessare potenzialmente qualsiasi uomo ad ogni età ed è possibile che molti non sappiano di cosa si tratti poiché non hanno mai riscontrato problemi di natura congenita. Pertanto ritrovarsi all’improvviso con un prepuzio esuberante che non consente di scoprire il glande può spiazzare.

In questo articolo parleremo di come e per quale motivo può manifestarsi la fimosi acquisita, spiegheremo come capire che bisogna intervenire e per quali cure e rimedi optare se non si vuole ricorrere ad un intervento.

Ragazzo affranto per i sintomi della fimosi acquisitaCos’è la fimosi acquisita e quali sono le cause?

La fimosi acquisita è un restringimento del prepuzio che impedisce la scopertura parziale o totale del glande causato non da una condizione anatomica innata, ma dovuto a ragioni patologiche o infettive. Può essere serrata (più grave) o non serrata (meno grave).

Entrambe possono verificarsi anche in età avanzata ma hanno una sostanziale differenza:

  • la fimosi serrata è una restrizione del prepuzio che rende problematico o impossibile un’operazione naturale come scoprire il glande sia quando il pene è a riposo, sia quando è eretto;
  • la fimosi non serrata al contrario rappresenta un impedimento solo durante l’erezione.

Ci sono svariate cause per cui può insorgere una fimosi di questo tipo:

  • infezioni;
  • dermatiti;
  • patologie;
  • lesioni.

Tutte queste circostanze determinano infatti uno stress (talvolta traumatico) nel tessuto epidermico del prepuzio che tende quindi ad indurirsi e a perdere l’elasticità, requisito fondamentale per permettere al glande di fuoriuscire.

È importante riuscire a riconoscere i segnali che tutti questi fenomeni scatenanti evidenziano poiché ti permettono di sapere in anticipo che le tue condizioni necessitano di essere visionate da uno specialista come un urologo.

Leggi anche:

I sintomi che ti fanno capire che è necessario un intervento drastico.

Quando una fimosi acquisita si manifesta è davvero difficile non rendersi conto dei sintomi, sia perché sono evidenti alla vista sia perché creano evidenti disfunzioni e disagi.

Nei casi in cui ha luogo un’infezione del glande (balanite), del glande e del prepuzio (balanopostite) o i genitali vengono interessati da dermatiti o malattie croniche (la più frequente in questa zona del corpo è il lichen sclerosus), cogliere in tempo i segnali (su internet è facile trovare immagini dettagliate) può aiutare a bloccare sul nascere certe complicazioni.

Anche il dolore e la difficoltà nell’urinare è un campanello d’allarme in caso di fimosi serrata già formatasi in seguito a queste cause esterne, perché può determinare infezioni estese anche alle vie urinarie con conseguenze talvolta molto serie.

La fimosi acquisita ha conseguenze negative sui rapportiQuando il glande non si scopre da solo in erezione vengono inibiti anche i rapporti sessuali, ed è possibile rendersi conto del problema sia perché la pressione che si crea con l’ingrandimento del glande dà luogo a dolore, sia perché questa anomalia anatomica impedisce di recepire il piacere attraverso le numerose terminazioni nervose presenti sul glande e sul prepuzio.

Si possono avere rapporti con la fimosi ma i rischia di dover affrontare una brutta esperienza quando il prepuzio va a finire sotto la corona del glande in maniera forzata, per via dello sfregamento o di un’azione imposta manualmente, e non si riesce a riportarlo al suo posto.

Questa condizione si chiama parafimosi, e sebbene non sia esattamente un sintomo è un chiaro indicatore di una situazione insostenibile, e necessita di essere risolta tempestivamente prima che dia vita a situazioni ben più gravi, come ad esempio la cancrena.

Phimostop per risolvere la fimosi acquisita

 

Le soluzioni per curare la fimosi in tempo utile.

Prima che la fimosi acquisita crei problemi seri alla tua salute, come quelli che abbiamo descritto nel capitolo precedente e che potrebbero richiedere per forza un intervento chirurgico, faresti bene a valutare tutte le soluzioni percorribili per uscirne quanto prima, e per soluzioni non intendiamo i rimedi della nonna o i metodi “fai da te”.

Ciò che devi fare è prenotare una visita da un andrologo o da un urologo, in modo da avere un consulto medico sulla tua situazione specifica e concordare una strategia di cure alternative alla chirurgia se vuoi evitare a tutti i costi interventi come la circoncisione, la frenuloplastica o la prepuzioplastica e la successiva convalescenza.

Leggi anche:

I metodi che potresti utilizzare in questo caso sono fondamentalmente due:

Le cure farmacologiche a cui puoi sottoporti per eliminare la fimosi prevedono l’applicazione locale di una pomata o crema elasticizzante, che può essere a base cortisonica, che ha la funzione e l’obbiettivo di ammorbidire i tessuti del prepuzio e renderlo quindi più elastico, ma l’esito non è sempre scontato.

Spesso per aiutare questo processo vengono indicati anche degli esercizi volgarmente detti di ginnastica prepuziale, che consistono in determinati movimenti da compiere manualmente sulla pelle del tratto terminale del pene.

Phimostop invece è un prodotto brevettato presso la UE e validato dal Ministero della Salute della Repubblica Italiana da ormai più di sei anni, che consente di agire sull’anello prepuziale attraverso un sistema innovativo che stimola la naturale dilatazione propria dei tessuti e amplia l’apertura del prepuzio fino a consentire la scopertura del glande.

Clicca qui se vuoi scoprire come funziona!