Le erezioni ti causano sofferenza? Con la fimosi è del tutto normale, e dovresti correre subito ai ripari con questo rimedio

Quando l’erezione è dolorosa, avere rapporti può essere difficile come correre i cento metri con uno zaino militare sulle spalle. Sentirti gravato di un peso simile potrebbe farti arrivare a temere gli incontri amorosi e, se la fimosi ne è la causa, potrebbero insorgere problemi ancor più gravi.

Vorresti risolvere il problema e recuperare la tua vita sessuale? In questo articolo scoprirai tutte le dinamiche connesse all’erezione dolorosa da fimosi e come porvi rimedio.

Erezione dolorosa e fimosi: ecco cosa può accadere

Se da qualche tempo, durante l’erezione, provi un dolore al glande e al prepuzio, è probabile che tu abbia una fimosi. Questa alterazione del pene, infatti, ha in questa dinamica uno dei suoi sintomi più classici. Questo perché la pelle del prepuzio si restringe e impedisce la scopertura del glande. Sebbene la fimosi possa essere serrata o non serrata, in entrambi i casi l’erezione può esser segnata dal dolore.

Ed è facile capirne il motivo.

Il glande non si scopre a causa di una pelle poco elastica e, con l’aumento del volume del pene che avviene quando hai un’erezione, l’anello fimotico, di fatto, lo strozza. Inutile dire che, a queste condizioni, i rapporti sessuali diventano molto complicati. Con lo sfregamento, infatti, il dolore al pene non fa che aumentare, rendendo l’esperienza più traumatica che piacevole.

Non solo. Il perdurare di tale situazione può generare ansia e frustrazione, con possibili conseguenze come perdita dell’erezione o eiaculazione precoce.

Leggi anche: Hai la pelle del pene stretta? È fimosi, e si cura così

Insomma, la fimosi può rendere la tua vita sessuale un vero inferno, e non solo a causa della sofferenza fisica del momento. Ci sono, infatti, altre situazioni che potrebbero capitarti.

Vediamo quali.

Non solo dolore: gli altri rischi legati all’erezione con fimosi

Parliamoci chiaro.

Il dolore che si prova durante l’erezione è di per sé un motivo sufficiente a mobilitarsi per curare la fimosi. Ma il guaio è che questa condizione non si limita a creare disagio, bensì può dar vita a situazioni molto serie. Ogni volta che hai un rapporto, lo sfregamento e la sollecitazione del prepuzio non fa che creare ulteriore stress a un tessuto sottile e delicato, creando microlesioni. Queste, a loro volta, comportano la formazione di un tessuto cicatriziale, che rende il prepuzio ancora meno elastico, aggravando la fimosi.

Il dolore durante l'erezione determina conseguenze infauste

In caso di rapporti non protetti, poi, è facile che insorgano infezioni. Sì, certo. Potresti usare il preservativo. Ma questo non ti aiuta più di tanto a risolvere il problema legato al dolore durante l’atto, e nemmeno ti mette al riparo dal rischio più grande che può derivare da un’erezione con la fimosi. Stiamo parlando della parafimosi, una condizione che si crea quando la scopertura del glande viene forzata, volontariamente o meno.

Cosa accade esattamente?

Il prepuzio rimane bloccato al di sotto della corona del glande e crea uno strangolamento ai suoi danni, aggravato dall’edema che si forma in seguito. Tale condizione è considerata un’urgenza urologica seria, e necessita di un trattamento tempestivo. Non agire subito espone a conseguenze nefaste, come necrosi ischemica del glande, cancrena, stasi venosa o ulcera.

Ma perché rischiare tutto questo se la fimosi si può curare in maniera indolore e non invasiva?

Stanco di avere un’erezione dolorosa? Cura la fimosi con Phimostop!

Hai capito bene.

Per risolvere il problema alla radice non sei obbligato a sottoporti a un intervento chirurgico come la circoncisione o la postectomia. Non dovrai per forza attendere per mesi prima che arrivi il tuo turno in un ospedale pubblico o sborsare dai 500 ai 2.000 euro in una struttura privata. E non sarai costretto neanche ad affrontare una convalescenza che va dalle due settimane a un mese. Per tua fortuna, esiste un’alternativa a tutto ciò. C’è un prodotto, infatti, che consente di eliminare la fimosi in modo naturale e senza creare disagi.

Leggi anche: Cos’è la postectomia e come si può evitare in caso di fimosi

Con Phimostop potrai continuare ad andare regolarmente a lavoro e a praticare attività sportiva (ma non sessuale, mi raccomando!). I tuboidi in silicone, infatti, restituiranno al tuo prepuzio la sua naturale elasticità in poche settimane, grazie a una stimolazione progressiva e graduale. Phimostop è validato dal Ministero della Salute come unico rimedio non medico per curare la fimosi ed è disponibile sia sul nostro sito Internet sia in farmacia.

In conclusione

La scelta del metodo giusto per rimediare alla fimosi potrebbe porti dei dubbi. Le tecniche tradizionali possono costringerti a una lunga attesa o a una spesa sostanziosa, senza peraltro darti la certezza assoluta di risolvere definitivamente il tuo problema.

Ti piacerebbe fare un tentativo con un prodotto che potrebbe eliminare la fimosi in tempi brevi, senza dolore e senza un costo eccessivo?

Clicca qui per scoprire come funziona Phimostop.