Ecco perché con questo disturbo i rapporti sessuali sono dolorosi.

Può capitare di provare fastidio durante un rapporto sessuale per diverse ragioni, ma quando il dolore si manifesta sul tratto finale del pene e impedisce di vivere serenamente questo momento, è possibile che la causa sia una fimosi.

Una manovra come scoprire il glande dovrebbe avvenire in maniera naturale e spontanea, ma questa condizione di fatto rende quest’azione assai difficoltosa.

In questo articolo vedremo i motivi per i quali la fimosi può causare dolore e problemi durante i rapporti sessuali e ti indicheremo alcune soluzioni per curare la fimosi.

Bruciore e dolore durante il rapporto causano disagio

Cosa comporta la fimosi?

La fimosi è un’alterazione del tratto finale del pene che si manifesta quando il glande non si scopre da solo a causa di un restringimento del prepuzio, ovvero il tratto di pelle che copre il glande stesso quando il pene è a riposo.

Questa problematica, più diffusa di quanto non si possa pensare, può avere diversi stadi di gravità.

Tendenzialmente si parla di fimosi serrata quando la manovra è difficoltosa o irrealizzabile sia quando il pene è eretto sia quando è allo stato flaccido. Nei casi meno gravi, in cui tale impedimento si manifesta soltanto durante l’erezione, si parla di fimosi non serrata.

A prescindere dal tipo di fimosi, un’erezione può sempre risultare dolorosa dal momento che durante l’erezione la pelle del prepuzio viene sollecitata dall’aumento delle dimensioni del glande e l’occlusione determina un effetto strozzatura.

Ovvio è che oltre a questo limite fisiologico, anche il fastidio e il dolore inibiscono un’erezione completa.

Ma nell’atto sessuale vero e proprio emergono ulteriori problematiche.

Vediamo quali sono.

Leggi anche: Circoncisione: l’intervento e i tempi di recupero

Che effetti ha la fimosi sulla vita di coppia?

Una condizione come la fimosi influisce in maniera molto invasiva sui rapporti, non solo per il dolore che si prova durante la penetrazione, ma anche per tutte le possibili conseguenze fisiologiche e psicologiche.

Se già una semplice erezione sottopone a forte stress il glande e il prepuzio, è facile capire come il dolore e il bruciore possano aumentare durante lo sfregamento tra i tessuti genitali.

In questa fase, la pelle del prepuzio viene sollecitata ulteriormente e poiché manca dell’elasticità necessaria a scorrere all’indietro, non è raro che si creino delle microlesioni e talvolta dei sanguinamenti.

Un simile scenario, oltre a rendere doloroso un momento che dovrebbe essere piacevole, espone sia te che l’altra persona al rischio di contrarre infezioni.

Questa eventualità può essere scongiurata attraverso l’uso del preservativo, ma questo non risolve il problema del dolore, specie in alcune posizioni.

Una conseguenza molto seria della fimosi che può determinarsi durante un rapporto sessuale è la parafimosi, ovvero una scopertura forzata del glande. Questa situazione è pericolosissima in quanto l’anello fimotico rischia di rimanere bloccato sotto la corona del glande, applicando una pressione così forte da bloccare la circolazione.

Coppia felice grazie ai rimedi per la fimosi

Una simile dinamica, oltre ad essere molto dolorosa, richiede un intervento tempestivo di un medico nel caso in cui non si riesca a riposizionare il prepuzio sopra il glande. Il permanere di questa situazione infatti può causare cancrena e necrosi ischemica del glande.

Un aspetto su cui incide parecchio la fimosi è ovviamente quello psicologico. Infatti, un simile disagio porta spesso a impedire il completamento di un rapporto, determinando ansia, senso d’inadeguatezza e depressione.

Insomma, siamo sicuri che se stai vivendo quest’incubo non veda l’ora di uscirne e riprendere in mano la tua vita.

Fortunatamente la fimosi è un problema risolvibile, e siamo sicuri che nel prossimo capitolo vedrai la luce in fondo al tunnel.

Ecco quali cure e rimedi possono mettere fine al dolore durante il rapporto.

Partiamo da un presupposto fondamentale: qualunque disagio o problema dovessi constatare nell’area genitale, non tergiversare e rivolgiti quanto prima a un urologo.

Un consulto medico infatti è fondamentale per avere una diagnosi chiara del tuo problema e per programmare una cura.

Tra i rimedi che vengono spesso proposti ai soggetti colpiti da fimosi c’è sicuramente la rimozione chirurgica del prepuzio: la circoncisione.

Leggi anche: Cicatrice post circoncisione: ecco i segnali da cogliere

Questa pratica risolve il problema in via definitiva in quanto priva il pene del tratto di pelle che copre il glande, lasciando quest’ultimo perennemente scoperto. Tuttavia si tratta di un intervento molto invasivo che può implicare una lunga convalescenza.

In alternativa al rimedio chirurgico, viene indicata la cura farmacologica, che prevede l’applicazione di creme elasticizzanti con l’obbiettivo di restituire al prepuzio la sua capacità di dilatarsi.

Purtroppo, spesso questo metodo non risulta efficace.

Con Phimostop puoi dire addio alla fimosi e al dolore durante i rapporti.

Da qualche anno, grazie al nostro prodotto rivoluzionario, è possibile curare la fimosi senza medicine né chirurgia.

Phimostop infatti è un prodotto che agisce localmente sul prepuzio e gli restituisce la sua naturale elasticità grazie a una graduale e progressiva stimolazione.

Il nostro kit è validato dal Ministero della Salute come unico rimedio non chirurgico per la fimosi ed è disponibile sia in farmacia che online.

Scopri subito come funziona!